Blog

Scovati 469 soggetti di origine extracomunitaria che hanno percepito indebitamente il Reddito di Cittadinanza per un ammontare di circa 2 milioni di euro. Revocati ulteriori 2 milioni di euro in corso di erogazione. – IL VIDEO
 

I Finanzieri del Comando Provinciale di Catanzaro, nell’ambito di un’articolata attività di
indagine coordinata dal Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Dottor Salvatore
CURCIO, hanno individuato e segnalato 469 soggetti stranieri per indebita percezione del
Reddito di Cittadinanza.
L’operazione, svolta dalle Fiamme Gialle lametine in sinergia con il locale ufficio INPS, nasce,
nel quadro di un monitoraggio generale su tutti i percettori di Reddito di Cittadinanza, dagli
esiti di un incrocio tra le informazioni presenti nelle banche dati in uso alla Guardia di Finanza
e gli elenchi dei beneficiari del sussidio. In tale ambito, veniva in evidenza una palese
incongruenza rispetto alla sussistenza dei requisiti in capo a soggetti di origine straniera iscritti
nelle anagrafi di comuni del territorio lametino.
Infatti, la normativa regolante il Reddito di Cittadinanza, istituito con il D.L. 28 gennaio 2019 n.
4, riconosce la misura a chi è in possesso, all’atto della presentazione della domanda, e per
tutta la durata dell’erogazione del beneficio, di specifici requisiti di cittadinanza, residenza,
soggiorno, reddituali e patrimoniali. In particolare, ai fini dell’accesso al beneficio il richiedente,
attraverso un’istanza presentata in modalità telematica tramite Poste Italiane, i Centri di
Assistenza Fiscale, ovvero gli istituti di patronato, deve dichiarare di essere in possesso, in
modo continuativo, della residenza in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo
continuativo, ottenendo, in tal modo, la corresponsione del sussidio per un periodo
continuativo non superiore a diciotto mesi, al termine del quale può essere rinnovato per altri
dodici mesi.
Dai preliminari accertamenti dei militari del Gruppo di Lamezia Terme emergeva, invece, che
diversi soggetti avevano ottenuto il Reddito di Cittadinanza attestando falsamente di
possedere il requisito relativo alla residenza.

PROCURA DELLA REPUBBLICA
PRESSO IL TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME

Comunicato Stampa RdC.docx
Pertanto, all’esito delle prime attività di riscontro effettuate, questo Ufficio di Procura delegava i
finanzieri lametini ad estendere ed approfondire le indagini nei confronti di tutta la platea di
soggetti stranieri risultanti percettori del sussidio.
Dalla minuziosa disamina della posizione degli oltre 22.000 stranieri (la maggior parte
provenienti da paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’est europeo) residenti nel circondario, è emerso
che 469 di essi avevano ottenuto illecitamente il Reddito di Cittadinanza in quanto sprovvisti
dei prescritti requisiti relativi alla residenza nel nostro Paese.
L’importo complessivo delle somme indebitamente erogate ammonta a circa 2 milioni di euro.
Grazie alla tempestività degli accertamenti eseguiti e alla contestuale segnalazione all’INPS si
è impedito che ulteriori 2 milioni di euro venissero erogati.
Per chi percepisce indebitamente il Reddito di Cittadinanza rendendo o utilizzando
dichiarazioni o documenti falsi o attestanti dati non veritieri oppure omettendo informazioni
dovute è prevista la reclusione da 2 a 6 anni.
L’indagine in parola, coordinata da questo Ufficio di Procura e svolta dalla Guardia di Finanza,
conferma l’impegno volto a contrastare l’indebito accesso a ogni forma di prestazione
assistenziale e misura di sostegno al reddito che genera iniquità e mina la coesione sociale
provocando la distrazione di risorse finanziarie destinate alle fasce più bisognose della
popolazione.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

due + dodici =