Blog

A Domenico Borelli dell’Atalanta il ‘Cronometro d’oro’: è lui il miglior preparatore della Serie A 2019/2020
 

Albertini: “Un riconoscimento che sottolinea l’importanza che il Settore Tecnico riconosce a questa figura professionale” 

Due su due: dopo la Panchina d’oro assegnata a Gian Piero Gasperini, un altro professionista dell’Atalanta è stato premiato dal Settore Tecnico per la stagione 2019/2020.

Secondo il giudizio degli stessi colleghi, Domenico Borelli è stato infatti il miglior preparatore atletico della scorsa stagione, aggiudicandosi così il ‘Cronometro d’oro’. Per la prima volta il premio è stato organizzato dal Settore Tecnico, con una votazione on-line che ha ricalcato quella tenuta in occasione della Panchina d’oro.

“Questo riconoscimento – ha evidenziato il presidente del Settore Tecnico, Demetrio Albertini – sottolinea l’importanza che il nostro Settore riconosce ai preparatori atletici e al loro lavoro, valorizzandone l’operato. Anche io, nella mia carriera da calciatore, ho potuto constatare in prima persona la bontà del lavoro dei preparatori, che hanno agevolato la mia crescita professionale”.

Con il Cronometro d’oro, d’argento e di bronzo sono stati premiati i migliori preparatori dei campionati professionistici, secondo l’insindacabile giudizio degli stessi colleghi: i preparatori della Serie A hanno votato il migliore professionista del massimo campionato italiano, quelli della Serie B hanno espresso il loro giudizio per il migliore collega del campionato cadetto e così anche in Serie C i preparatori hanno votato per il loro campionato di appartenenza. Da sottolineare come a concorrere per il premio fossero tutti i preparatori atletici tesserati nella stagione 2019/2020 e che tutti gli stessi avessero diritto alla votazione.

In Serie A Borelli è stato il più votato, precedendo nelle preferenze dei colleghi Paolo Barbero dell’Hellas Verona e Antonio Pintus dell’Inter, giunti secondi a pari merito.

“Il Cronometro d’oro – ha commentato il vincitore, Domenico Borelli – è un riconoscimento che ho potuto conseguire per tutto il lavoro fatto dall’Atalanta, grazie ai risultati ottenuti con la squadra. Dal punto di vista personale è una grande soddisfazione; un premio da condividere con la società e con tutti i miei colleghi che hanno lavorato all’interno dello staff tecnico”.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

5 × quattro =