Blog

Per Bce in ripresa ampio contributo positivo da immigrati
 

La Banca centrale europea ha abbassato le sue stime sull’inflazione dell’Eurozona per il 2017 a 1,5%, per il 2018 a 1,2% dal precedente 1,3% e per il 2019 a 1,5% dal precedente 1,6%. Lo ribadisce l’Istituto di Francoforte nel suo bollettino, confermando anche la revisione al rialzo delle stime di crescita per la zona euro per il 2017 al 2,2% dall’1,9% precedente, mentre restano invariata quelle per il 2018 e 2019 rispettivamente all’1,8% e all’1,7%.

Per la Bce, nell’Eurozona “durante la ripresa l’immigrazione ha dato un ampio contributo positivo alla popolazione in età lavorativa, riflettendo soprattutto l’afflusso di lavoratori dai nuovi stati membri dell’Unione europea. “Ciò ha verosimilmente avuto un effetto considerevole sulla forza lavoro, in particolare in Germania e Italia“.

Francoforte sottolinea poi che “sebbene l’offerta di lavoro nell’area dell’euro stia continuando ad aumentare, negli ultimi dieci anni il suo tasso di crescita ha subito un rallentamento”.

 

La Bce puntualizza poi che in Italia il tasso di disoccupazione è in calo ma non può essere definito un calo “significativo”.

 

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

dieci − 5 =