Blog

Confcommercio, spese obbligate in calo
 

Dopo un ventennio di crescita (+5,3 punti percentuali tra il 1995 e il 2014), la quota di spese obbligate, pur rimanendo l’aggregato più significativo, diminuisce di un punto percentuale (passando dal 41,8% del 2014 al 40,9% del 2017) a causa soprattutto di una decisa riduzione dei prezzi degli energetici e dei servizi finanziari. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio Studi di Confcommercio sulle spese obbligate delle famiglie tra il 1995 e il 2017. Nel 2017 – evidenzia l’analisi – quasi il 60% delle spese obbligate pro capite (pari complessivamente a 7.070 euro) sarà destinato dall’abitazione (4.100 euro); all’interno dei consumi commercializzabili (oltre 10.200 euro pro capite nel 2017), determinati dalle scelte di spesa individuali, i servizi hanno assunto un ruolo sempre più significativo, anche se il 64% è assorbito dai beni. Continua infine il calo della quota destinata agli alimentari, ma questa voce aumenta nei valori pro capite (2.608 euro nel 2017).

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

due × tre =