Blog

Etruria, Renzi: ‘Si faccia commissione inchiesta banche’
 

Sono ripartite le polemiche sulle banche e segnatamente su Banca Etruria, in particolar modo per il ministro Boschi. La quale ha risposto con un post e ha confermato “dalla a alla zeta” ciò che ha già detto in Parlamento, affidando la pratica agli avvocati. La proposta del pd è sempre la stessa: si faccia partire la Commissione di Inchiesta sulle Banche. E a chi dice che è ferma per colpa nostra ricordo che il PD ha votato a favore e i Cinque Stelle no, giusto per fare un esempio. Lo scrive Matteo Renzi sulla Enews.

“Nessun favoritismo” di Maria Elena Boschi su Banca Etruria: quella di Ferruccio De Bortoli è solo una “bellissima operazione di marketing”. Matteo Renzi sceglie la platea de l’Arena, il programma della domenica pomeriggio di Rai 1, per prendere di petto il ritorno “ciclico” della bufera sulle banche, che ha afflitto il suo governo. E spiegare al pubblico tv che il Pd non ha “nulla da temere”, tanto che vuole la commissione d’inchiesta per far prevalere la “verità” sui “pettegolezzi”. Ma se anche Silvio Berlusconi difende Boschi dal “cortocircuito mediatico-giudiziario”, M5s e i bersaniani di Mdp non mollano la presa e chiedono che la sottosegretaria lasci. Dopo una sortita nel quartiere Tuscolano per abbracciare i volontari dalle “magliette gialle” mobilitati dal Pd per pulire la Roma amministrata dai Cinque stelle, Renzi in tv spiega il nuovo corso del suo partito.

“A me e al Pd conviene votare a fine legislatura, tra febbraio e maggio 2018” e intanto “usare questi mesi non per le cose che interessano ai politici ma per cose concrete”. Dunque, fari accesi su “casa, piazze, mamme”, più che sulla legge elettorale. Su temi come rifiuti e vaccini, sfida Grillo. Mentre assicura che non farà “la guerra” al governo ma darà “una mano sui problemi veri”. Il segretario Pd deve però fronteggiare la nuova bufera su Boschi. E sceglie di guardare dritto in camera: su Etruria come già sul caso Consip chiede “la verità, perché la gente onesta non la teme”. Sarebbe “inaccettabile” se ci fossero stati “favoritismi” su Banca Etruria ma così non è stato: “Boschi e tutti i membri del governo lo hanno dimostrato.

L’istituto fu commissariato dal mio governo: siamo stati molto duri con tutti, incluso Pier Luigi Boschi”, afferma Renzi. E invoca quanto prima la commissione d’inchiesta sulle banche per “vedere le carte”. Il M5s ora la chiede ma al Senato si astenne, notano i renziani: il Pd la vuole davvero. Per rispondere alla domanda che fa il leader Dem: “Possibile che il problema sia una piccola banca della provincia di Arezzo e non i vari scandali da Siena alla Puglia, al Veneto?”. Parole con cui Renzi chiama in causa la sinistra che gestì i casi Mps e Banca 121 e la Lega per le banche venete. Quanto alla presunta richiesta di Boschi all’ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni di occuparsi di Banca Etruria, anche Dario Franceschini sostiene sia un caso “ingigantito”. Non c’è, afferma, conflitto d’interessi perché Boschi si astenne dal partecipare ai Cdm sulle banche. E su quanto racconta De Bortoli, solo Ghizzoni – secondo il ministro della Cultura – può dire una parola definitiva. Ma lui per ora sceglie il “no comment”. “Per quanto è dato a sapere, nel caso di Boschi non vi è alcuna evidenza di reato”, afferma intanto Berlusconi, che scende in difesa dell’ex ministra. Mentre Beppe Grillo, all’opposto, detta la linea dura: “Aspettiamo la querela della Boschi a de Bortoli: se non arriva si deve dimettere”. Ma anche nella maggioranza c’è che vuole che Boschi lasci il governo. I bersaniani del Mdp incalzano: “Ancora nessuna chiarezza ma solo attacchi personali a De Bortoli: così – dice Roberto Speranza – l’unica via è che Boschi lasci”.

 

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

otto − 6 =