Blog

Da Lamezia ad Aosta a curare gli anziani. Infermiera, ‘paziente è persona sofferente, non pensi ad altro’
 

“Davanti al paziente non hai paura perché hai davanti una persona sofferente e non pensi a nessun’altra cosa”. A parlare è Alessandra Scarselletti, infermiera lametina che dal 10 marzo si trova a Verres (Aosta). 47 anni, madre di due figlie, dopo 21 anni al pronto soccorso di Lamezia Terme, da un anno presta servizio all’ambulatorio cardiologico dell’ospedale ed è stata tra i primi, a marzo, a rispondere all’appello della Protezione civile: “Non potevo stare con le mani in mano, mentre al nord Italia c’era bisogno di aiuto”. Ed è stata destinata in una comunità con anziani, 19 positivi al Covid. La sua vita è scandita dal “rituale” della vestizione e da quello della svestizione. E’ quest’ultima, spiega, “mette ansia perché devi evitare che le parti ‘sporche’ tocchino quelle pulite”. In corsia i suoi occhi incontrano quelli degli anziani: “Come fai a non pensare che sono persone? Come fai a non guardarli e cercare di dare loro conforto anche quando ti chiedono ‘ma quando muoio’?”.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

2 + 17 =