Blog

Entro 2017 norme Ue attuazione su etichetta origine alimenti
 

Le norme di attuazione Ue sull’etichettatura di origine degli alimenti saranno adottate “prima della fine del 2017”. Lo hanno detto all’Ansa fonti della Commissione europea. La mossa di Bruxelles potrebbe chiudere il confronto aperto su questa materia con l’Italia. La mancanza degli atti esecutivi dell’articolo 26 del regolamento (Ue) 1169/2011, che prevede i casi in cui debba essere indicato il paese d’origine o il luogo di provenienza dell’ingrediente primario utilizzato nella preparazione degli alimenti, è infatti uno dei motivi che hanno spinto l’Italia ad accelerare sull’obbligo di etichettatura di origine, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei decreti su riso e grano per la pasta. Decreti che decadranno in caso di piena attuazione dell’articolo 26, cioè con l’adozione di atti di esecuzione da parte della Commissione. Cosa che dovrebbe quindi accadere nei prossimi mesi.

Intanto, a quanto si è appreso, i servizi dell’Esecutivo Ue “stanno raccogliendo informazioni dalle autorità italiane in merito all’adozione della legislazione nazionale in questione. Una volta acquisite tutte le informazioni, la Commissione potrà decidere sui prossimi passi”. L’Italia aveva notificato a Bruxelles i decreti sull’origine del riso e del grano per la pasta a maggio. Aveva poi deciso di accelerare in modo unilaterale, senza aspettare i tre mesi previsti per l’ok della Commissione, ritirando la notifica a Bruxelles il 25 luglio, qualche giorno dopo la firma dei decreti da parte dei ministri Martina e Calenda.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

dieci − 6 =