Blog

Gaetti, bene confiscato è speranza
 

“Abbiamo avviato un confronto necessario a far uscire dall’isolamento i gestori dei beni confiscati, con la consapevolezza che non bastano le norme, le forze dell’ordine, le associazioni a sostenere queste realtà ma occorre un coinvolgimento forte della società civile, che deve sentirsi impegnata nella difesa di un patrimonio che le appartiene e che può diventare fattore di crescita sociale ed economica”. Così il sottosegretario all’Interno, Luigi Gaetti, nel corso di una visita a Crotone incentrata sul tema dei beni confiscati alla criminalità organizzata. “I beni immobili e quelli aziendali confiscati alle mafie possono costituire una opportunità, sancita per legge, per il consolidamento e lo sviluppo d’iniziative di imprenditorialità sociale, in particolare nelle regioni del Sud Italia. Che le zone in questione siano territori “difficili”, non si può certo negare ma la presenza di oggi ci dona la consapevolezza dell’importanza del ruolo di ciascuno di noi per costruire una realtà positiva e aiutare a vivere meglio la comunità locale, non lasciandola sola. Era una presenza doverosa – aggiunte il Sottosegretario – perché questi territori si stanno impegnando a dare segnali di speranza, nonché volontà di invertire un ciclo rispetto alle infiltrazioni criminali sul territorio. Il compito dello Stato è quello di essere presente e di impegnare tutte le risorse possibili per sconfiggere la criminalità che prosciuga ricchezze dai territori, ma anche risorse umane, culturali, bellezza, speranza e voglia di futuro. Oggi ne abbiamo avuto un esempio, ma la strada ancora lunga”.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

9 + dodici =