Blog

Juncker, per Trump ‘con i tedeschi ci sono problemi’
 

“E’ solo un problema di traduzione: Trump non ha voluto dire che i tedeschi sono cattivi, ma che con la Germania e con i tedeschi ci sono dei problemi”: il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker prova a smorzare le polemiche sulle indiscrezioni riportate dalla stampa tedesca che riferiscono di frasi non proprio diplomatiche pronunciate da Trump verso i partner tedeschi nell’incontro di ieri a Bruxelles.

 

Secondo lo Spiegel, Trump avrebbe detto: “I tedeschi sono cattivi, molto cattivi” durante l’incontro con il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker e il presidente del Consiglio Donald Tusk ieri a Bruxelles. In conferenza stampa, prima dell’avvio del G7, Juncker non ha smentito l’uso della parola inglese ‘bad’ (cattivo) da parte di Trump, ma ha spiegato – anche parlando in tedesco, lingua che conosce molto bene – che “se qualcuno usa la parola ‘bad’ non significa che letteralmente tu debba tradurre ‘cattivo'”. “E’ un problema di traduzione”, ha ripetuto, continuando a spiegare che Trump intendeva dire che il comportamento dei tedeschi e della Germania ‘non va bene’, non che i tedeschi siano malvagi.

 

“Il governo tedesco non commenta mai presunte dichiarazioni che emergono da incontri confidenziali”. Lo ha detto il vice portavoce di Angela Merkel, Georg Streiter, rispondendo a una domanda in conferenza stampa sulle parole di Trump riportate dallo Spiegel on line. Il presidente Usa avrebbe detto ieri a Bruxelles che i tedeschi “sono cattivi, molto cattivi”, criticando il surplus commerciale della Germania.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

dieci + 8 =