Blog

MARIO GALEA (pd) UNA CITTA’ COSTERNATA PER LA MORTE DI MARRELLI E DEI TRE OPERAI
 

La tragica ed improvvisa scomparsa di Massimo Marrelli e dei tre operai del suo Gruppo, che ha gettato tutta la città di Crotone in grande costernazione, mi porta nell’immediatezza ad esprimere alla sua famiglia e a quelle dei tre sfortunati lavoratori la mia vicinanza personale e quella di tutto il mio Partito.
Tessere elogi a questo coraggioso e tenace imprenditore, che ha saputo realizzare in campo sanitario strutture di eccellenza, apprezzate non solo nel territorio calabrese, ma anche e soprattutto in quello nazionale, risulta quanto mai superfluo.
Ad attestare, infatti, i suoi grandi meriti professionali ed imprenditoriali sono quanto di fatto è riuscito a realizzare nell’arco degli ultimi quarant’anni, con la CalabroDental prima e il Marrelli Hospital dopo, non arretrando di fronte a nessuna difficoltà, neppure di fronte a quelle con cui ha dovuto lottare proprio nell’ultimi mesi.
La città, per queste sue pregevoli opere, gliene sarà sempre grata e la sua memoria resterà sicuramente indelebile negli anni a venire.
A tutte le forze politiche e alle istituzioni della nostra città spetterà, da subito, il compito di cooperare col massimo dell’impegno, perché il patrimonio da lui messo in piedi non vada assolutamente disperso e affinché i suoi eredi siano più che mai coadiuvati, in tutti i modi e in tutte le forme possibili, specialmente dopo la terribile e assurda tragedia che ha tolto loro la prestigiosa e autorevolissima guida di Massimo.
In questo drammatico momento, di un così straordinario imprenditore delle nostra città ci sembra doveroso ricordare soprattutto le sue umili origini. Egli è riuscito a compiere un vero e proprio miracolo imprenditoriale, oltre che per la sua grande bravura medico-professionale, per la tenace ed instancabile operosità che, siamo certi, sarà di esempio per tutto il mondo imprenditoriale crotonese, presente e futuro.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

cinque − 2 =