Blog

Metro Cosenza-Rende Unical: nuovo intervento di Oliverio
 

“È estremamente grave l’atto di diserzione da parte del  sindaco di Cosenza dell’incontro istituzionale con il Presidente della Provincia di Cosenza e il sindaco di Rende, dopo averlo, peraltro, concordato”.

E’ quanto afferma il Presidente della Regione, Mario Oliverio, in una nota.

“Dovrà essere chiara a tutti –prosegue Oliverio- la verità sulla metropolitana di Cosenza. A questo fine ritengo giusto e opportuno un confronto con le forze sociali della città. Martedì prossimo incontrerò tutte le componenti presenti al tavolo del partenariato sociale. Non è possibile cambiare le carte in tavola assumendo posizioni ambigue e alterando volutamente la verità.

Ancora peggio quando, pur non dichiarando la contrarietà alla realizzazione della metro leggera, si motiva la non sottoscrizione dell’accordo istituzionale già condiviso con i comuni di Cosenza, Rende e l’Amministrazione Provinciale, con ragioni che nulla hanno a che fare con il merito e la validità delle opere concordate.

Infatti, se ci fosse stata una contrarietà alla metro, non avrebbe avuto ragion d’essere neanche il confronto e l’accordo a cui si è pervenuti anche sulla base delle proposte avanzate dallo stesso Occhiuto. È un dato di fatto che la non sottoscrizione dell’accordo determinerà la perdita di importanti opere di modernizzazione e riqualificazione della città.

A conferma di ciò è bene ricordare che, nelle settimane scorse, è stato prima di ogni altro il Sindaco di Cosenza a presentare pubblicamente e con enfasi le modifiche al progetto e le altre opere contenute nell’accordo condiviso, illustrando le ragioni della sua adesione.

“Per quanto mi riguarda –conclude il Presidente della Giunta regionale- non penso di dover procedere ad ogni costo: ho sempre considerato, com’è noto, decisivo il parere dei comuni interessati. In tal senso coerenza e correttezza istituzionale imporrebbero una motivata assunzione di conseguenti atti amministrativi per giustificare la modifica delle decisioni già assunte dai consigli comunali”.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

venti − nove =