Blog

Protocollo Miur-Unicef su istruzione e infanzia
 

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e l’Unicef Italia hanno firmato oggi a Roma un Protocollo di intesa della durata di tre anni per realizzare e promuovere in tutte le scuole azioni e attività rivolte al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza. La firma è avvenuta alla presenza del direttore generale per lo studente, l’integrazione, la partecipazione e la comunicazione del Miur, Giovanna Boda, e del Presidente dell’Unicef Italia Francesco Samengo.
“Rinnovare l’impegno congiunto del Miur e dell’Unicef a favore dei nostri ragazzi rappresenta una grande risorsa per il sistema scolastico”, ha sottolineato il direttore generale Giovanna Boda. “La scuola è il terreno privilegiato per l’educazione alla pari dignità sociale e la formazione di individui responsabili. Accordi come quello siglato oggi – ha aggiunto – ci consentono di rafforzare gli interventi tesi a dare una maggiore informazione agli studenti sui loro diritti individuali, ma anche e soprattutto a promuovere comportamenti concretamente rispettosi dei principi di inclusione e di prevenzione di tutte le forme di discriminazione e violenza”.
“Il Protocollo rappresenta il coronamento di una collaborazione trentennale tra il Miur e l’Unicef – ha spiegato Francesco Samengo, presidente di Unicef Italia – per promuovere azioni sinergiche per diffondere la cultura dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, operando per la piena attuazione del principio di non discriminazione e la promozione dell’educazione digitale attiva per un uso consapevole delle nuove tecnologie e dei social”. “L’Unicef Italia dal 2010, in collaborazione con il Miur, promuove il Progetto ‘Scuola Amica dei bambini e dei ragazzi’ – ha aggiunto Samengo – che vede aderire annualmente più di 1.200 scuole di ogni ordine e grado. Il progetto è finalizzato ad attivare prassi educative per promuovere la conoscenza e l’attuazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.
Il Protocollo prevede, tra l’altro: azioni rivolte al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza, con tutti gli attori coinvolti nel processo formativo-educativo della persona di minore età e nella prevenzione della dispersione scolastica; sviluppare iniziative culturali, di formazione e qualificazione di soggetti a diverso titolo impegnati professionalmente in attività con minori; promuovere percorsi di educazione alla cooperazione internazionale, alla pace, allo sviluppo delle popolazioni del Sud del mondo che vivono in situazioni di guerra e di povertà; migliorare l’accoglienza e la qualità delle relazioni, per favorire l’inclusione delle diversità e delle abilità differenti. (ANSA).

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

9 + dieci =