Blog

Reggio Calabria: sciopero generale delle donne a Piazza Italia
 

In più di 70 i Paesi nel mondo le donne, in contemporanea, hanno incrociato  le braccia astenendosi da qualsiasi attività produttiva e riproduttiva, formale o informale, retribuita o no. In Italia è il movimento nazionale Non Una Di Meno che ha aderito  all’appello internazionale per lo sciopero globale delle donne dell’8 marzo, proclamato a livello nazionale dalle organizzazioni sindacali di base nel pubblico così come nel privato. In Calabria  a Reggio Calabria è stata organizzata   una manifestazione pubblica,  in Piazza Italia  dalle ore 17 fino alle 20 circa, dove sono stati trattati i temi riportati nel Piano Femminista contro la violenza maschile e di genere con delle testimonianze dirette, ma anche con la presenza di artisti che hanno aderito alla giornata e con della musica, secondo l’assunto Organizziamo la rabbia difendendo l’allegria!

Al centro dello sciopero il  Piano Femminista contro la violenza maschile e di genere, scritto in un anno di assemblee di Non Una Di Meno che ha affrontato la violenza di genere e dai generi a 360°.  I Tamburi di Luca Scorziello hanno  così aperto questo pomeriggio la manifestazione organizzata da Non una di meno a piazza Italia per lo sciopero globale delle donne. Sono stati più di 70 i Paesi nel mondo in cui le donne, in contemporanea, hanno incrociato le braccia astenendosi da qualsiasi attività produttiva e riproduttiva, formale o informale, retribuita o no. In Italia è stato il movimento nazionale Non Una Di Meno che ha risposto all’appello internazionale per lo sciopero globale delle donne dell’8 marzo, proclamato a livello nazionale, dalle organizzazioni sindacali di base nel pubblico così come nel privato. In tutte le città d’Italia ci sono stati azioni, picchetti, piazze tematiche, presidi durante la mattina e nel pomeriggio.

 

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

undici + sedici =