Blog

Solidarietà al preside Rizzuti dal progetto PRIMA I
 

Un brutto fatto di cronaca successo a Crotone ha sconvolto gli animi di tutti i soggetti che fanno parte della grande famiglia di P.R.I.M.A. I (progetto selezionato da impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo a contrasto della povertà educativa minorile). Ci corre l’obbligo di esprimere piena solidarietà, e vicinanza al dirigente scolastico, Franco Rizzuti, che ha subito l’incendio della propria autovettura.

Franco Rizzuti, è da sempre impegnato nel sociale all’interno dell’Avis, di cui è stato presidente, e come componente del direttivo dell’associazione intitolata proprio al piccolo Dodò, ferito a morte il 25 luglio del 2009 e successivamente deceduto il 20 settembre dello stesso anno.

SOLIDARIETA’ DA CROTONE – “Il Professor Rizzuti, opera, come Dirigente Scolastico in una delle zone più difficili e complesse del territorio crotonese come Papanice – Ises e Vittorio Alfieri. – spiegano i rappresentanti delle associazioni calabresi che partecipano al progetto P.R.I.M.A. I., ovvero la Cooperativa Agorà, la cooperativa Noemi e l’associazione Teatro della Maruca – Il suo modello di conduzione è stato sempre di piena apertura alla società civile che vuole portare i temi della Legalità, della Giustizia, della Lotta alle Mafie e stimolando tutte le discussioni che vanno verso la tutela delle persone e del territorio. Noi che facciamo parte della rete di associazioni che porta avanti il progetto PRIMA I all’interno del mondo , e che lo stesso Prof. Rizzuti ha da subito appoggiato, ci rendiamo conto che le azioni proposte e, soprattutto, il rilancio della idea di Comunità Educante, che vuole migliorare la qualità della vita dei singoli cittadini e del territorio che abitano, sono importanti. Per questo motivo, oltre ad esprimere la nostra solidarietà rinnoviamo il nostro impegno ad essere più presenti nei territori considerati difficili e pericolosi“.

MANFREDONIA E IL SOGGETTO CAPOFILA DI P.R.I.M.A. I VICINI A RIZZUTI – Un messaggio di solidarietà e vicinanza arriva anche da Annamaria D’Ippolito, presidente della Cooperativa Santa Chiara di Manfredonia – ente capofila del nostro progetto che aggiunge – a nome di tutte le associazioni e degli enti aderenti a PRIMA I sul territorio pugliese  (a Manfredonia sono l’associazione I colori del Mondo, ASD Stelle della Daunia, Compagnia Teatro Bottega degli Apocrifi, le scuole e gli enti pubblici) : “Apprendiamo con sgomento questa triste vicenda che ha toccato da vicino il preside di una nostra scuola partner a Crotone. Un episodio che ci tocca tutti perchè, insieme ai colleghi calabresi, lavoriamo instancabilmente ormai da mesi per raggiungere obiettivi importanti, per migliorare la vita di bambini, famiglie ed insegnanti che operano in zone a rischio. Il nostro impegno, dopo questo brutto gesto, sarà ancora più pressante e le maglie della rete di P.R.I.M.A. I. ancor più salde“.

DA SORA IL MESSAGGIO DI SOSTEGNO ALLA CALABRIA –In aggiunta, anche tutti i soggetti che lavorano per il progetto P.R.I.M.A. I. sul territorio di Sora  (Il Faro Onlus, Associazione Sos Donna Sportello Telematico e Centro di Ascolto, EDC SRL, Teatro Labrys, IRASE Frosinone, Nuovi Orizzonti, AGENDI, enti pubblici e scuole) non possono che unirsi al coro di messaggi di solidarietà dedicati al preside Rizzuti: “Crotone, Manfredonia e Sora, grazie a P.R.I.M.A. I., sono un unico grande territorio. Lavoriamo insieme per lasciare un segno tangibile contro la povertà educativa. E le azioni di contrasto non possono prescindere dallo stigmatizzare questi brutti episodi. Siamo vicini al dirigente Rizzuti ma anche a tutte le altre scuole crotonesi e ai nostri colleghi /partner che in certi contesti difficili operano con coraggio e da anni ogni giorno“.

L’affetto e la vicinanza al preside dell’IC Papanice, dunque, sono condivisi da tutti gli attori di questo progetto che nel tempo ha dato vita ad una famiglia con un unico e grande cuore pulsante, che batte da Manfredonia, passando per Sora e arrivando nella nostra carissima Crotone.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

16 − 12 =