Blog

Migranti: Tajani, bloccare il corridoio libico
 

“L’impegno di Frontex dimostra fisicamente ciò che può fare l’Europa. Questo non basta. Bisogna fare molto di più. Bisogna investire in Libia sempre di più, bloccare il corridoio libico così come è stato fatto per il corridoio balcanico. Bisogna lavorare molto di può in Africa. Il problema oggi è di qualche migliaio di persone. Domani sarà di milioni di persone”. Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani a Catania a margine di una visita alla Task Force regionale di Frontex, dove ha incontrato anche il comandante generale della Guardia di finanza, Giorgio Toschi, il direttore esecutivo di Frontex Fabrice Leggeri e il direttore centrale dell’Immigrazione e della Polizia di frontiera, Prefetto Massimo Bontempi.

“Sono venuto qui – ha aggiunto Tajani – per dare la solidarietà del Parlamento Europeo sia a Frontex, che rappresenta l’Unione, e la solidarietà dell’Europa all’Italia e agli altri Paesi che rappresentano la frontiera meridionale dell’Unione europea, frontiera che sta vivendo momenti di particolare difficoltà in Italia e in Spagna perché’ il problema dell’immigrazione è di portata talmente ampia che non può essere affrontato solo a livello nazionale”. Il presidente dell’Europarlamento ha poi ribadito che “serve un piano Marshall per l’Africa. Serve una vera strategia che può essere soltanto europea, con la partecipazione delle Nazioni Unite, per contribuire alla crescita dell’Africa e impedire che la gente scappi da casa sua” e muoia nel deserto o in mare.

“L’Africa – ha detto ancora Tajani – vive una stagione particolare: terrorismo, cambiamento climatico e crescita demografica, siccità, carestie e guerre. Significa che nel 2050 vi saranno due miliardi e mezzo di persone e nel 2100 saranno cinque miliardi. Cosa accadrà nei prossimi anni se non saremo capaci di contribuire a risolve questi problemi?”. Infine, ma non per questo meno importante, la questione dei ricollocamenti. “Mi auguro che durante l’incontro dei prossimi giorni tra la Merkel, Macron e Gentiloni si compia un passo in avanti. Il Parlamento europeo – ha ricordato – è stato durissimo nei confronti i Paesi che non rispettano gli impegni presi per il ricollocamento dei rifugiati. Ci sarà una sanzione economica nei confronti di tre Paesi se questi ultimi non cambieranno posizione. Ci aspettiamo solidarietà da tutti i Paesi europei”.

 

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

3 × 2 =