Blog

Michele Gigliotti, Presidente Adiconsum Calabria: l’iniziativa delle Procure di Vibo e di Lamezia di procedere all’accertamento dello stato della depurazione e degli scarichi sulla costa va incontro alle preoccupazioni dei cittadini. Alla politica, ai diversi livelli di governo del territorio, si chiede un sussulto di responsabilità
 

Lamezia Terme, 17/07/2021 – «L’iniziativa delle Procure di Vibo Valentia e di Lamezia di procedere
all’accertamento del reale stato della depurazione e degli scarichi sul tratto di costa Pizzo-S. Eufemia –
dichiara in una nota per la stampa il Presidente di ADICONSUM Calabria, Michele Gigliotti – va
incontro alle preoccupazioni che quotidianamente i cittadini manifestano di fronte allo spettacolo di un
mare nel quale fa paura bagnarsi.
Ci si augura che l’azione dei magistrati, delle forze dell’ordine e degli enti impegnati nei controlli a tutto
campo, finalizzati a comprendere le cause di una situazione che penalizza turisti e residenti, possa presto
giungere a conclusioni che permettano di intervenire per tutelare ambiente e persone e per salvaguardare
un’importante risorsa come il mare, preziosa sia dal punto di vista naturalistico che da quello
economico.
Cittadini e imprese pagano per un servizio inefficiente e, impossibilitati a godere delle bellezze delle
nostre coste, vedono anche fortemente danneggiato il settore turistico.
ADICONSUM, che ha tra le sue finalità quella della difesa dell’ambiente in cui le persone vivono –
conclude il Presidente Gigliotti –, chiede ai diversi livelli di governo del territorio un sussulto di
responsabilità nell’affrontare e avviare a soluzione un problema che si trascina da troppo tempo e che
richiederà un’azione decisa, coordinata e progettuale in cui ogni Comune, insieme alla Regione, dovrà
fare la sua parte».