Blog

Brexit: Barnier, nessuna punizione, ma Gb saldi conto
 

“Non posso accettare la parola utilizzata di un ‘assegno in bianco’. Non è questione di un assegno in bianco, noi chiediamo di saldare il conto. Gli impegni che sono stati presi dalla Gran Bretagna. Non è un assegno in bianco”. Così il negoziatore Ue per la Brexit Michel Barnier rispondendo ad alcune domande dopo aver illustrato la bozza di mandato a negoziare con Londra.

Barnier ha precisato che “il Regno Unito dovrà onorare tutti gli impegni finanziari presi in quanto membro. Non è una punizione, né una tassa per l’uscita”. Per quanto riguarda la bozza di mandato a negoziare sulla Brexit “è in linea con l’approccio in due fasi” e si concentra “solo sulla prima parte.

Dimostra dove vogliamo arrivare quando avremo finito la prima fase di negoziati. La Gran Bretagna dovrà mettere molta energia e fare grandi sforzi su queste questioni. Alcuni hanno creato l’illusione che la Brexit non avrebbe avuto maggiore impatto sulle vite, non è il caso. Servono soluzioni, precisioni legali e questo richiederà tempo”.

Barnier, che ha sottolineato le posizioni “anche molto diverse” con la May, ha però evocato anche qualche punto in comune. Alla cena a Londra “con Theresa May ho avuto occasione di evocare una comune passione, che è quella di fare passeggiate in montagna. Andare in montagna insegna a mettere un piede davanti all’altro, perché il cammino può essere accidentato, si impara a fare attenzione ad eventuali incidenti, a risparmiare il respiro perché il cammino è lungo, e bisogna sempre guardare la cima, per me e per lei, il risultato”.

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

4 + quattordici =