Blog

Crotone, salvezza a meno uno: non succede, ma se succede!
 

La giornata perfetta del Crotone inizia con un abbraccio virtuale ad Adrian Stoian, che ha avuto modo di assistere alla gara dal quarto piano dell’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone.

Si quell’ospedale oggetto spesso di tanta ironia, questa volta è servito a qualcosa averlo così vicino allo Scida. I compagni nel riscaldamento – oltre a scendere in campo con il numero 12 , quello del romeno, sulle spalle – hanno salutato lo stesso Stoian, facendo si che anche gli spettatori si accorgessero di lui, con il conseguente coro della curva sud.

Un inizio toccante, sotto il sole cocente di Crotone.

Poi la partita, con un occhio (forse due) a quello che succedeva sugli altri campi.

E questa volta bisogna dire che ognuno ha fatto il suo mestiere.

Partita vera allo Scida dove la banda Delneri ha provato sino alla fine ad agguantare il pareggio, dopo che Rohden – al suo primo gol italiano – aveva portato in vantaggio la sua squadra a minuto 18, sfruttando un cross basso di Trotta.

Nel frattempo, quasi in contemporanea, arrivava il gol del raddoppio del Cagliari che dunque allo stesso minuto era già sul 2-0.

Qualche minuto prima invece Rispoli aveva portato in vantaggio il Palermo che – nonostante fosse già retrocesso –  alla fine è riuscito a battere clamorosamente il Genoa, per la sorpresa di tutti e la felicità del popolo pitagorico.

Ed ecco che il miracolo appare ora possibile con l’Empoli a solo un punto, il Genoa a due.

Sarà forse il mese mariano, ma adesso ci si può credere davvero.

Certo, calendario alla mano sarà molto difficile completare l’opera, però questo finale di campionato sta davvero ribaltando qualsiasi pronostico.

Di sicuro c’è che il Crotone – in serie positiva da sette turni – ci crederà fino in fondo: 180 minuti da vivere intensamente, 180 minuti da cardiopalma con la consapevolezza comunque di aver dato tutto.

E come ha detto Nicola al termine dell’intervista nella mix zone dell’Ezio Scida, non succede, ma se succede…

Risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

7 + dieci =